Harry Potter

Publié le par Raffaella

Premessa: io adoro leggere! Ho iniziato da piccolissima, con i cartelli stradali e i cartelloni della pubblicità (con gran gioia dei miei genitori che si sentivano chiedere di continuo: "che c'è scritto qui?"); credo che il primo libro che io abbia mai letto sia stato "Piccole donne", cui ovviamente sono seguiti tutti gli altri della Alcott.

Leggo di tutto, dalla fantascienza (se non avete mai letto le "Cronache della Galassia" di Asimov non sapete cosa vi perdete!) a Omero, da Jorge Amado a Simone de Beauvoir... insomma, sono una divoratrice di libri, che ha sposato un lettore accanito, e il risultato è una casa straripante di volumi, dove entrano di continuo nuove pubblicazioni. Fosse per noi, la crisi dell'editoria sarebbe un non-sense!

Devo dire, però, che se un libro o un autore vanno molto "di moda", ho una specie di repulsione e me ne tengo alla larga; ciò ha fatto sì che io abbia letto, ad esempio, il Codice da Vinci molto dopo la gran parte della gente (prima comunque di tutto il cancan che hanno fatto per l'uscita del film) o che mi sia accostata ad Harry Potter solo pochi mesi fa, spinta da un libro in saldo e dalla necessità di condivisione di un terreno comune con alcuni dei miei pazientini più grandicelli.

Credetemi, ho scoperto un'autrice eccezionale! I libri della Rowlings hanno un impianto narrativo ed una complessità per i quali stona decisamente la definizione di "letteratura per bambini"; sono incredibilmente ben scritti ed avvincenti. Vi posso dire che, in poco meno di un mese, li avevo presi e letti tutti e 6, aiutata sì dalla mia rapidità di lettura ma anche dal desiderio crescente di vedere come si sviluppava la storia.

Quello che giudico il migliore, il terzo della serie (HP "il prigioniero di Arzkaban"), mi ha tenuta sveglia fin quasi alle 3 del mattino: ad ogni pagina che giravo mi dicevo "ancora una e poi vado a dormire", finchè ad un certo punto mi sono resa conto che non avrei mai potuto se non avessi prima letto come finiva!!

Da quel che ho scritto fin qui, sembrerebbe una bella pagina pubblicitaria: in realtà, giuro che la Rowlings non mi dà un soldo!! E' solo che, proprio ieri, sul forum di Ellen, c'è stata una bella discussione riguardo le indiscrezioni e le mezze parole dell'autrice sui colpi di scena del  prossimo - attesissimo - settimo ed ultimo episodio. Credo che anche chi non ha mai letto nulla del maghetto sappia che si mormora che l'autrice abbia deciso di farlo morire nell'ultimo episodio, e proprio su queste voci, tra amiche-di-web-fan-di-crocette-e-di-HP, abbiamo fatto due chiacchiere.

Riflettevo sul fatto che la Rowlings ha sempre detto che la storia di Harry Potter era la fiaba che raccontava a sua figlia per addormentarla... che è la storia che milioni di bambini - anche non ancora in grado di leggere - seguono e amano in tutto il mondo. E allora mi sono chiesta: perchè farlo morire? Nei romanzi, fino ad oggi, non gli è stato risparmiata alcuna sofferenza: Harry è un bambino che è sempre stato solo, ed ha conosciuto molti altri lutti ed abbandoni dopo la sua nascita. In tutto questo buio, però, come in ogni fiaba che si rispetti (da che mondo è mondo), c'è sempre stata la speranza che alla fine il bene avrebbe vinto. Che senso avrebbe togliere questa speranza, soprattutto ai bambini? Se anche è vero che la vita, spesso, è uno schifo, perchè rivelarlo così - di botto - ai più piccoli?

Insomma, benedetta Rowlings, perchè non dai retta a Stephen King e non lo lasci vivere????

 

Yesterday, on EMS forum, there was a nice post about Harry Potter and the rumours about is death-to-come in his next last adventure. I was just wondering why should Rowlings let Harry die... it's unfair, it would mean a real pain for so many children around the world... So I just join Stephen King's prayer: PLEASE, DON'T LET HARRY DIE!!!!

Publié dans Libri che leggo

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :

Commenter cet article

lagiostra 03/08/2006 17:33

Anch'io ci ho messo un pò ad avvicinarmi a Harry, l'ho scoperto ai tempi del primo film e dopo averlo visto ed essermene innamorata mi sono letta tutto d'un fiato i quattro libri usciti fino a quel momento!! Poi quinto e sesto me li sono letti in inglese perchè non ce la facevo ad aspettare la traduzione in italiano!! :)Sono d'accordo con te, anch'io spero tanto tantissimo che non lo faccia morire!!!

Claudia 03/08/2006 13:04

Uhhhhh sisisi anche io come te!!!
HP l'ho letto moooooolto prima che arrivasse in Italia, in tempi non sospetti.... Tutto il casotto poi del film e del merchandising mi ha davvero sconfortata: io mi ero immaginata HP in un certo modo, insomma nella mia mente aveva una dimensione davvero diversa dai film, che tra l'altro mi sono rifiutata di vedere per non "corrompere" la mia fantasia! Almeno la sciura Rowling poteva aspettare, finire la saga scritta e poi buttarsi nel cinema! Ma come sempre la golosità dei soldi rovina tutto....
Comunque Il Re ha ragione: se muore HP muore una parte della fantasia di tutti i lettori; già la Rowling lo ha venduto, che adesso non si metta in mente di accopparlo!!!! :D:D:D:D

Gabry 03/08/2006 11:50

Altra cosa in comune: anch'io rifuggo dai libri cosiddetti "alla moda", e li leggo molto tempo dopo. Il Codice da Vinci è ancora lì in attesa... ;-)Ed anch'io ho comprato Harry Potter perchè mi era venuta la curiosità di leggerlo, solo che devo ancora iniziare il primo... ma con la tua recensione penso che lo inizierò quanto prima!bye bye