SAL poubelle à fils - luna di maggio

Publié le par Raffaella

Luna di maggio, nuovo appuntamento con i barattolini di filo.
Non so come vadano le cose per tutte quelle che hanno iniziato quest'avventura, so che in Francia, dove è partita l'idea, per rendere più avvincenti le "puntate" si mostrano collezioni di forbicine e si fanno questionari.
Che tipo di ricamina sei? una che finito il punto sfila il filo e chisseneimporta di quanto è lungo, lo si butta, oppure una "sparagnina", risparmatrice dal braccino corto? Io apparterrei a questa seconda categoria; utilizzo il filo fino all'ultimo pezzettino disponibile, non lasciando che pochi centimetri.
O meglio, sarebbe più corretto dire "utilizzavo, lasciavo"... un altro mese senza nemmeno un punto, senza nemmeno un accenno di punto, senza neanche il pensiero di un punto.
I fili sono sempre lì, l'ago è dove l'ho lasciato l'ultima volta, la tela ripiegata in attesa di tempi migliori, o di un po' di tempo, a seconda dei punti di vista.

Edit delle 19.00: la foto è reperibile all'articolo di marzo. Over-blog, come sempre, fa i capricci e non ne vuole sapere di ritirarla fuori dai suoi archivi.

 

Publié dans Crocetterie

Commenter cet article

Roberta 20/05/2009 20:04

Abbasso le crisi creative! Alcune ricamine che conoscevp poi hanno proprio smesso. :-(

Raffaella 20/05/2009 20:07


Anche io spero che passi. Il ricamo mi ha dato gioia nei momenti felici della mia vita e, anche se per qualcuno potrà essere incomprensibile, un grande conforto in quelli difficili.
Mi mancherebbe, molto.
Raffa


tarta 15/05/2009 09:33

ci sono i periodi di stanca .... ci sono sempre .... ti rifarai ^_^

Raffaella 15/05/2009 11:04


Confido nell'estate! ;-)
Raff


Gallinavecchia 14/05/2009 16:01

Grazie della tua visita e delle belle parole che... vedo ci accomunano parecchio :)Laura? ...non è che mi hai confusa con Diamanterosa? (cosa che sarebbe un fantastico complimento) In ogni caso, ti dirò che oltre a Gallinavecchia, o Iaia... se proprio vuoi puoi chiamarmi Sandra ;))Baci e mille auguri anche alla tua pulcina di bianco vestitaGallina

Raffaella 14/05/2009 23:05



Perdono! Sono passata a scusarmi anche da te; mi sono confusa, e probabilmente hai ragione quando dici che può essere che io ti abbia associata a Laura, in fondo è grazie a lei che ti ho
"incontrata" in giro per il web... poi potremmo aggiungere che la demenza avanza, e anche che in questi giorni la testa è tutta altrove, persa tra l'emozione ed una lista di cose ancora da fare
lunga come un tir.
Un abbraccio
Raffa :-)



Dora 11/05/2009 11:59

Ancora senza ispirazione vedo, e se provassi a non guardare i telegiornali? Secondo me possono essere fonte di depressione , non solo o non tanto per le notizie, ma per come ci vengono propinate. Riguardo i fili io vado a giornate, ci sono quelle del sia quel che sia e quelle in cui ogni centimetro di filato va sfruttato!Ciao

pat54 09/05/2009 22:50

che dire alla "sparagnina" se non che mi piace come racconti i fatti???non importa se la tela è nell'angolo ripiegata, e nemmeno importa se non c'è neanche un filo in più nel barattolo.........l'importante è che tu ci sia e che partecipi.....al prossimo mese e questa volta, con un filo in più o in meno aggiungi una foto diversa....Insomma fai come si faceva con i libri di scuola quando si portavano in vacanza : gli si faceva cambia l'aria e ritornavano a casa chiusi esattamente come erano partiti....bacipat

Raffaella 10/05/2009 22:21



Ci sono Pat, ci sono. Come direbbe Clo, barcollo ma non mollo!
Un abbraccio
Raffa